DAUNIA DUE SICILIE
  Carlo Pisacane
 

Carlo Pisacane

Carlo Pisacane, di famiglia aristocratica meridionale, studiava nell’accademia militare napoletana «Nunziatella» e nel 1841 fu dislocato a Civitella del Tronto (la cui fortezza sarà vent’anni dopo protagonista di una gloriosa quanto sfortunata resistenza all’invasione piemontese) col grado di alfiere del Genio.

Forse era già convinto, come scrisse, che «la religione è un effetto dell'ignoranza e del terrore; l'uomo deifica ogni forza ignota che lo spaventa», e pensò bene di infrangerne i comandamenti. Non era d’accordo, però, il calzolaio che lo trovò a letto con sua moglie e inseguì i due amanti, accoltellando a morte lei.

Carlo finì in galera per adulterio ma poi fu rispedito a Napoli e reintegrato nel grado. Era tenente borbonico quando portò via la moglie, madre di tre figli, al ricco cugino Dionisio Lazzari. La donna, montatasi la testa per via dei libri della vetero-femminista George Sand, accusava il marito di scarso romanticismo, di cui, invece, il Pisacane era ben fornito. La cosa costò al nostro eroe un agguato notturno nei vicoli napoletani, dopo il quale pensò bene di fuggire con l’amante, prima in Toscana e poi a Londra.

Qui, inseguito da un mandato di cattura per adulterio, trovò asilo nei circoli liberali (l’Inghilterra si guardava bene dall’estradare i ricercati dalle polizie papiste). Convertito alle idee risorgimentali, il Pisacane si portò, con l’amante e la bambina nata dalla loro relazione, a Parigi, dove fu arrestato ma subito rilasciato grazie all’intervento dei salotti che contavano (la Francia è, ancora oggi, ottima terra d’espatrio per condannati “politici” in contumacia).

Per sicurezza, i due se ne andarono a Genova, dove si separarono (morta la figlioletta, lei si mise con l’amico comune Cosenz). Nel 1857 il Pisacane e due complici dirottarono il piroscafo «Cagliari» sull’isola di Ponza, dove liberarono trecento detenuti, quasi tutti criminali comuni. Sbarcarono a Sapri, sperando di sobillare la popolazione contro la monarchia borbonica. Invece, la gente li snobbò. I trecento, allora, si diressero verso il Cilento, sperando in miglior fortuna.

Al contrario, gli abitanti di Sanza li presero a fucilate. Pisacane si sparò per non farsi prendere (in qualità di ex ufficiale dell’esercito e, dunque, traditore, lo aspettava la forca). I trecento finirono nelle galere pescaresi. Com’è noto, l'ascolano Luigi Mercantini dedicò loro quella «Spigolatrice di Sapri» («…eran trecento, eran giovani e forti…») che tutti noi siamo stati costretti a imparare nella scuola dell’obbligo.


 
  In totale ci sono stati 42686 visitatori (103738 hits)  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=