DAUNIA DUE SICILIE
  Il Sud che poteva essere: L'amministrazione pubblica
 

 

 
L'amministrazione pubblica

Inutile forse citare il pubblico impiego, dai tanti soldati del disciolto esercito regio a quelle migliaia di impiegati a diversi livelli (18.000 solo a Napoli) che dall’oggi al domani dovettero abbandonare ambasciate, ministeri, amministrazioni centrali e periferiche, la corte, il governo stesso.
E a proposito di prospettive e garanzie dal punto di vista economico, è utile fare qualche riferimento ad un settore del quale il governo borbonico aveva intuito l’importanza: quello dei cosiddetti beni culturali.
Già da tempo Napoli e molte delle città del Regno erano mete obbligate nei tour dei grandi viaggiatori stranieri, e anche per questo fu proprio nella capitale che nacquero le prime agenzie turistiche. La tutela dell’immenso patrimonio storico-artistico-archeologico, però, si legava soprattutto alla sensibilità e alla formazione culturale di chi governava e in questo sono particolarmente significativi alcuni provvedimenti, senza considerare ciò che da Carlo di Borbone in poi era già stato realizzato e conservato. Ferdinando II disciplinò la manutenzione dei monumenti con un Decreto Reale del 16 settembre del 1839: i privati avrebbero realizzato i restauri delle opere d’arte con il permesso del Ministero dell’Interno sentito il parere della Reale Accademia delle Belle Arti. Fu regolamentata l’esportazione degli oggetti antichi e d’arte in maniera molto severa, prescrivendo l’assistenza di un agente di polizia presso gli scavi archeologici. Fu vietato lo spostamento di un qualunque oggetto di interesse storico-artistico dal suo sito di origine10. Nel 1842 fu portato a termine un inventario dei monumenti di Napoli e provinciae nel maggio del 1848 fu riordinato il Real Museo Borbonico «a seconda delle ragioni dei progrediti studii dell’archeologia, della storia e del bello nelle arti»11. Nel 1857 fu finanziato e definito un piano complessivo di restauro di chiese e conventi12.
Lo stesso Francesco II, nel brevissimo tempo che ebbe a disposizione per fare il Re, dimostrò quali potevano essere le prospettive e le linee di sviluppo della politica governativa. Fu creato con lui, ad esempio, un vero e proprio piano regolatore per la città di Napoli che «doveva tenere conto dell’accresciuta popolazione e delle continue e straordinarie richieste di ampie località create dal grande sviluppo delle industrie, del commercio e della navigazione di questa città capitale»13.
 
  In totale ci sono stati 70666 visitatori (165157 hits)  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente